Women Deliver. Quello che le donne vogliono  

Women Deliver. Quello che le donne vogliono  

“Ci fu resistenza quando ottenemmo il diritto di voto,

ci fu resistenza quando entrammo nei posti di lavoro

e ora c’è resistenza mentre assumiamo posizioni di potere.

Ma le nostre faticose vittorie non sono negoziabili,

possiamo andare avanti , non tornare indietro”.

Maryam Monsef,

Ministra dello sviluppo internazionale e per l’uguaglianza di genere, Canada

Una campagna dal titolo efficace ed inoppugnabile “What Women Want”: è lo strumento con cui White Ribbon Alliance ha realizzato la più grande indagine mondiale su quello che pensano le donne riguardo la loro salute sessuale e riproduttiva. 1,2 milioni di donne, in 114 paesi, hanno risposto che l’assistenza sanitaria non è all’altezza delle loro esigenze, è spesso non igienica, poco dignitosa e poco equipaggiata.

Read More

Women Deliver 2019. Power Progress Change

Women Deliver 2019. Power Progress Change

Prende fiato a fatica quando parla, ma la standing ovation è per lei: “Come giovane donna e attivista portavoce di Women Deliver Young, sono orgogliosa di prendere parte alla sessione plenaria di apertura di Women Deliver 2019 – afferma sorridendo Natasha Chibesa Wang Mwansa – perché posso contribuire a dare visibilità alle pratiche e alle soluzioni ideate dalle/dai giovani per arrivare all’uguaglianza di genere in tutto il mondo. Arrivo dallo Zambia, ho 18 anni e rappresento non solo il futuro ma il presente della leadership giovanile. Noi vogliamo interrompere le dinamiche attuali di potere, fare progressi su questioni profondamente radicate e affermare il cambiamento per le ragazze e le donne in tutto il mondo”.

Read More

Women Deliver 2019

Una delegazione del Network Italiano Salute Globale e Aidos sarà presente ai lavori di Women Deliver 2019, dal prossimo 2 giugno a Vancouver in Canada, conferenza internazionale per dibattere di uguaglianza di genere e salute, diritti delle ragazze e delle donne, emancipazione economica e politica dei diritti umani. Oltre 6mila persone fra leader mondiali, accademiche/i, attiviste/i, avvocate/i, giornaliste/i e società civile da tutto il mondo: il focus sarà sul potere, su come si può guidare – o ostacolare – il progresso e il cambiamento.