G20 Italia – 2021

G20

G20 – 2021 presidenza italiana

Il 1 dicembre l’Italia assume per la prima volta la presidenza del G20, forum informale internazionale che riunisce i Paesi del G7 (Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti) e quelli in rapida ascesa economica: i Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica) e i Mikta (Messico, Indonesia, Corea del Sud, Turchia, Australia), oltre all’Unione Europea. Partecipano alle riunioni del G20 il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale e le principali organizzazioni internazionali. Il G20 rappresenta oltre il 90% del Pil mondiale, l’80% del commercio globale e due terzi della popolazione mondiale.

 

Civil 20

Il Civil 20 [C20] è costituito da rappresentanti della società civile di tutto il mondo e ha come orizzonte di riferimento l’Agenda 2030 e i suoi Obiettivi di sviluppo sostenibile, anche per questo è organizzato in gruppi di lavoro tematici (architettura finanziaria internazionale, clima, educazione, genere, salute, ecc.)

Il Comitato organizzatore italiano del C20 2021, promosso e facilitato da Gcap Italia, ha realizzato un documento con riflessioni e proposte per la Presidenza italiana del G20 dell’anno prossimo.

Il C20 dell’anno in corso a guida saudita ha rilasciato una dichiarazione in occasione della Ministeriale G20 congiunta Finanze-Salute che si è svolta il 17 settembre 2020.

Summit C20 2020

C20 Summit

Dal 6 al 10 ottobre si svolge il Summit C20 2020: la società civile internazionale presenta ufficialmente le proprie raccomandazioni alla presidenza saudita del G20. Si svolgeranno, inoltre, diversi panel tematici. L’iniziativa sarà completamente online ed è possibile partecipare iscrivendosi attraverso questo link. Il 7 ottobre si svolgerà una sessione sulla salute globale organizzata dal Network italiano Salute Globale insieme a partner della società civile internazionale, qui tutte le info.

La partecipazione della società civile internazionale al G20 è fondamentale perché è portatrice di valori e approcci che si basano sul rispetto dei diritti umani, della promozione della pace, della giustizia sociale e ambientale, della solidarietà e dell’uguaglianza di genere. Grazie alla loro esperienza sul campo, le associazioni possono contribuire mostrando best practice, portando riflessioni e analisi, ponendo all’attenzione dei governi nuove e differenti narrazioni di fenomeni complessi che riguardano il futuro dello sviluppo sostenibile per tutte e tutti.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.<br> Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi