Amref: il covid-19 e le incognite dell’Africa

Amref: il covid-19 e le incognite dell’Africa

Amref offre una panoramica della situazione africana: ad oggi, tutti i 54 Stati africani hanno registrato un totale di 1.644,780 contagi e 39.738 decessi (Africa Cdc). Tra i Paesi più colpiti Sud Africa (703.793 casi e 18.471 decessi), Marocco (173.632 casi e oltre 2.928 decessi), Egitto (105.424 casi e 6.120 decessi), Nigeria (61.440 casi e 1.125 decessi) e Algeria (54.402 casi e 1.856 decessi) (Johns Hopkins Coronavirus Resource Center).

Nel report anche il link alla ricerca condotta da Lancet sui potenziali effetti indiretti della pandemia di Covid-19 sulla malaria nel continente africano, in termini di copertura, comorbidità e mortalità.

Convegno annuale Ccm su alimentazione, salute e ambiente

Convegno annuale Ccm su alimentazione, salute e ambiente

Il Convegno Scientifico è un appuntamento annuale del CCM in collaborazione con esperti nazionali e internazionali che dibattono e approfondiscono un argomento di salute globale sul quale vengono anche presentati casi ed esperienze concrete e innovative.

L’edizione 2020 è dedicata a “Alimentazione, salute e ambiente – L’impatto della dieta sull’insorgenza delle malattie non trasmissibili e sull’ambiente”, un argomento sempre più centrale ormai in ogni parte del mondo.

L’appuntamento è per il 3 novembre, edizione completamente online, qui il programma e i dettagli per partecipare, partecipazione gratuita ma iscrizione obbligatoria entro il 28 ottobre 2020 su www.formazionesanitapiemonte.it

Cesvi presenta l’Indice Globale della Fame 2020

Cesvi presenta l’Indice Globale della Fame 2020

Lunedì 12 ottobre Cesvi ha presentato  l’”Indice Globale della Fame 2020 – Fame Zero: il legame tra salute umana e cura del pianeta”.

Si può scaricare qui

Online anche il video della presentazione

Quasi 690 milioni di persone nel mondo sono denutriti; 144 milioni di bambini soffrono di malnutrizione cronica e 47 milioni di malnutrizione acuta (FAO2020). Siamo ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo Fame Zero entro il 2030.

Inoltre su molti paesi incombe la minaccia delle crisi attuali: il cambiamento climatico, la pandemia COVID-19 e la conseguente recessione economica, così come la gravissima invasione di locuste del deserto nel Corno d’Africa, stanno aggravando l’insicurezza alimentare e nutrizionale di milioni di persone.

L’Indice Globale della Fame, uno dei principali rapporti internazionali che misura la fame mondiale, nell’edizione 2020 dedica il focus tematico al legame tra salute umana e cura del pianeta (ambiente, fauna e flora).

Quali azioni sono necessarie per prevenire crisi sanitarie e alimentari future, e garantire per tutti un mondo sano, equo e sostenibile?

#famedicambiamenti #ghi2020

__

L’Indice Globale della Fame 2020 è realizzato grazie al contributo di PricewaterhouseCoopers.

Contro il virus e la solitudine, il CCM in Italia

Contro il virus e la solitudine, il CCM in Italia

Dal 2008 il CCM – Comitato Collaborazione Medica è attivo anche in Italia, sempre per il diritto alla salute per tutti, in particolare per i più vulnerabili che qui sono spesso migranti, nuovi poveri e persone senza fissa dimora. Anche in Italia non costruiamo sistemi sanitari paralleli ma vogliamo rafforzare il Sistema Sanitario Nazionale- SSN, offrendo consulenze di educazione sanitaria e orientamento ai servizi.

Read More

Rapporto Amref Africa: una popolazione giovane, entusiasta e coinvolta contro il Covid 19

Rapporto Amref Africa: una popolazione giovane, entusiasta e coinvolta contro il Covid 19

I giovani e gli adolescenti africani stanno unendo le forze, dimostrando la loro adattabilità e capacità di rispondere al COVID-19 nel modo più adeguato possibile, identificando le sfide e le esigenze nelle loro comunità e affrontandole rapidamente. Questo rapporto è un riflesso dello spirito “ubuntu” (“io sono perché noi siamo”) di Amref Health Africa, che lavora con i giovani per rispondere alle loro esigenze nei Paesi in cui opera. Sebbene questa sia solo la punta dell’iceberg, Amref ritiene che i passi fondamentali compiuti negli ultimi cinque mesi (marzo-luglio 2020) stiano contribuendo ad un cambiamento duraturo”.